Fotografia, Arte e passione del cuore. Intervista ad Angelo Raimondi Lucchetti

Abbiamo incontrato l’Arch. Angelo Raimondi Lucchetti, autore di numerosi libri di fotografia, oltre che affermato professionista.

Lo abbiamo intervistato:

Architetto per passione, architetto di professione. Lei è abituato ad un’attenta analisi dell’urbanizzazione antropica per motivi di lavoro, come si colloca in questo contesto quando indossa i panni del fotografo?
Mi colloco in questo contesto con la stessa passione, poiché ritengo che la fotografia sia il mezzo documentale per rappresentare le attività dell’uomo e tutto quanto concerne e caratterizza il suo progresso nella storia.

Lei, come tutti i fotografi, avrà sicuramente una tecnica fotografica preferita. Ci racconta qual’è e perché ne è rimasto affascinato?
Sicuramente la macrofotografia!
Sia dal punto di vista scientifico ma soprattutto per la conoscenza di come si sviluppa, di come si articola e di come si caratterizza la vita di un microcrocosmo così poco conosciuto dall’uomo.
Nei suoi aspetti più intimi ed affascinanti.

Ha utilizzato per anni le macchine fotografiche meccaniche dotate di pellicole a supporto chimico. Adesso tutto è digitale. Come valuta questo cambiamento?
Ritengo che la scuola dell’analogico abbia contribuito enormemente alla mia preparazione fotografica grazie alle sue caratteristiche peculiari ed alle oggettive difficoltà per ottenere ottimi risultati.
Il passaggio al digitale è stato fortemente traumatico pur se connotato da indubbie caratteristiche operativamente più semplici, ma con maggiori difficoltà nell’esprimere i contenuti.

Lei è stato Membro attivo di diverse Associazioni fotografiche. Ci riassume questa sua esperienza di vita?
Prima tra queste “Il Circolo Fotografico Milanese” grande fucina di formazione sia riguardo alla tecnica sia per l’espressione dei contenuti fotografici.
All’interno di tale Associazione ho avuto il piacere e l’onore di far parte delle giurie per la valutazione delle opere partecipanti del concorsi indetti sia in sede locale che regionale.
Ho anche fondato un mio Circolo Fotografico: il “FOTO CINQUE CLUB” che articolava la propria attività sia per insegnamento delle tecniche di ripresa con riferimenti ad insegnamento storico della fotografia e organizzazione di mostre e concorsi sia per l’aspetto pratico organizzando uscite per l’apprendimento delle tecniche sul campo.
Ho fondato il “Fotogruppo Noveis” in provincia di Vercelli che si è dedicato da sempre alla documentazione delle attività umane caratteristiche di quelle zone.
Ho pubblicato i manuali di fotografia e articoli fotografici per riviste quali Rizzoli e Agostini.

Lei è Socio della Famiglia Artistica Milanese. Cosa propone per il futuro della fotografia in questo prezioso contesto intellettuale e storico?
Sono fortemente motivato a creare una specifica sezione dedicata alla fotografia sia intesa come mezzo di comunicazione e di espressione, sia come conoscenza storica e approfondimento delle opere dei grandi fotografi, anche attraverso la comunicazione costante e periodica di mostre e concorsi a livello locale e regionale.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...