Vito Melotto, uno di noi

Noi della Famiglia Artistica sia così. Conviviali e gioiosi, ma sempre seri quando si parla di professionalità ed arte. Non si scherza su queste cose, semmai si usano per scherzare… come ci insegna la nostra ricchissima storia. Il Maestro Melotto è uno di noi, milanese di fatto. Come tantissimi artisti ha portato e porta con la sua presenza un valore aggiunto, il sapore e la cultura della sua terra che si sono amalgamati con la Madonnina, con la milanesità intesa come capacità di integrazione e di internazionalizzazione della cultura. Messaggio poliedrico e composito, mai noioso.

Melotto è nato a Zimella (Verona) nel 1928. Ha compiuto gli studi artistici all’Accademia Cignaroli di Verona ed ha conseguito la Maturità artistica all’Accademia di Belle Arti e Liceo Artistico di Venezia.

_dsc0032Nel 1952 si trasferisce a Milano, dove tuttora risiede. Al 1960 risale la prima mostra personale alla Galleria Schettini; nel 1967, sempre a Milano, espone alla Galleria Vinciana, e a Reggio Emilia, nel Palazzo del Capitano del Popolo; nel ’68 a Vicenza, presso la casa del Palladio. Successivamente vanno ricordate, in particolare, le numerose mostre personali e collettive alla galleria milanese “Ponte Rosso” dal 1975 e le mostre personali nel 1981 e nel 1996 a Casalpusterlengo (Torre Pusterla); nel 1991 presso l’Università Bocconi di Milano; nel 2002 al Centro Culturale San Cristoforo Sala Espositiva Bipielle City di Lodi. Numerosi gli inviti a concorsi a premio e a importanti collettive in diverse città, quali il Premio Campione d’Italia; Premio Cadorago Lario; Premio Suzzara; Premio Città di Marsala.
Ha partecipato anche alle mostre sociali “artisti della Permanente” di Milano del 2001; “Il Convito della Bellezza” a Potenza e Loreto, sempre nel 2001; “Arte per la vita”, all’Arsenale di Verona nel 2005; “Arte Sacra” in San Simpliciano e San Satiro a Milano; “In Cristo la salvezza dell’uomo”, Chiesa di San Cristoforo di Lodi; “I segni dell’evento”, Palazzo Comunale di Cremona; “Rassegna nazionale di Arte contemporanea” a Novoli (Le), nel 2006; “34 artisti della Permanente di Milano” in mostra a Garbagnate Milanese, nel 2009; “Sguardi al femminile, visioni di innocenza e seduzione nell’arte del 900 italiano” al Palazzo Imperiale di Innsbruck e a Racconigi (Cn), Castello Reale, nel 2009; “Il Volto di Cristo”, Centro Culturale d’Arte “La Canonica”, Novara, 2010..

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sue opere si trovano in vari musei e collezioni private in Italia e all’estero.
E’ presente alla Galleria d’Arte Moderna Santa Maria degli Angeli ad Assisi; al Museo di Viterbo; alla Fondazione Don Tonino Bello, Comune di Alessano (Le); alla Pinacoteca Comunale d’Arte Contemporanea Comune di Ruffano (Le); alla Raccolta Lamberti di Codogno (Lo); alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza.
Fra i critici d’arte che di lui hanno scritto in molteplici occasioni: A. Coccia, M. Lepore, D.Villani, M. Ghilardi, C. Munari, R. De Grada, C. Franza, O. Consonni, F. De Faveri, E. Fabiani, D. Cara, M. Corradini, R. Bossaglia.

Del resto è uno di noi. Uno della Famiglia Artistica Milanese. E non è un caso!

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...