Testimonianz, di Pinetto Fumagalli

Testimonianz
(A proposit de cert process)

Quand leggi che quajdun, interrogaa,
el dîs che in del tâl dì, vèrs la tâl ôra,
(magari è passaa on ann!) lù l’era andaa
in tâl sît, insemma a la tâl sciôra;

che in de quell’ost doa lôr seren fermaa
gh’era duu che giugaven a la môra,
che vun el gh’era su i calzon rgaa
e l’alter on vestii a la cacciadora

con su ‘na smaggia de colôr marron
sul bàver, a sinistra, e on’altra nera
in su la gamba destra d’i calzon…

resti lì come ‘n stupid, perchè mì
(e l’è la pura veritaa) a la sera
soo giamò pù coss’hoo mangiaa a mezzdì!

Pinetto Fumagalli, nato a Briosco nel 1888, morto a Como nel 1964.
Scrisse a lungo, specie sulla stampa comasca, e particolarmente sul settimanale “ Ol Tivan” dove si firmava “Plinio ‘l vecc”.
Satirico, ma senza acrimonia.
Pubblicò “I do facc” nel 1963.
Questa sua poesia in dialetto è stata tratta dal Quaderno n. 1 de La Famiglia Artistica Milanese intitolato: “Luce Meneghina” ove erano state raccolte le poesie premiate nei concorsi dialettali della Famiglia Artistica Milanese. La stampa è stata curata da Bramante Editrice nel 1965.
La nostra Famiglia riprende, con la pubblicazione di questo “quaderno” una vecchia consuetudine.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...