Ritorno alla vita selvaggia?

Quasi tutti propongono un ritorno alla vita selvaggia, contemplativa, lenta, solitaria, lungi dalle città aborrite.
Quanto a noi Futuristi, che affrontiamo coraggiosamente il dramma spasimoso del dopoguerra, siamo favorevoli a tutti gli assalti rivoluzionari che la maggioranza tenterà.
Ma alla minoranza degli artisti e dei pensatori, gridiamo a gran voce:
– La Vita ha sempre ragione! I paradisi artificiali coi quali pretendete di assassinarla sono vani. Cessate di sognare un ritorno assurdo alla vita selvaggia. Guardatevi dal condannare le forze superiori della Società e le meraviglie della velocità. Guarite piuttosto la malattia del dopo-guerra, dando all’umanità nuove gioie nutrienti.

Invece di distruggere le agglomerazioni umane, bisogna perfezionarle. Intensificate le comunicazioni e le fusioni degli esseri umani. Distruggete le distanze e le barriere che li separano nell’amore e nell’amicizia. Date la pienezza ela bellezza totale a queste due manifestazioni essenziali della vita: l’Amore e l’Amicizia.

Nelle mie osservazioni attente e antitradizionali di tutti i fenomeni erotici e sentimentali che uniscono i due sessi, e dei fenomeni non meno complessi dell’amicizia, ho compreso che gli esseri umani si parlano colla bocca e cogli occhi, ma non giungono ad una vera sincerità, data l’insensibilità della pelle, che è tuttora una mediocre
conduttrice del pensiero.
Mentre gli occhi e le voci si comunicano le loro essenze, i tatti di due individui non si comunicano quasi nulla nei loro urti, intrecci o sfregamenti.
Da ciò, la necessità di trasformare la stretta di mano, il bacio e l’accoppiamento in trasmissioni continue del pensiero.

Ho cominciato col sottoporre il mio tatto ad una cura intensiva, localizzando i fenomeni confusi della volontà e del pensiero su diversi punti del mio corpo e particolarmente sul palmo delle mani. Questa educazione è lenta, ma facile, e tutti i corpi sani possono dare, mediante questa educazione, risultati sorprendenti e precisi.
Invece, le sensibilità malate, che traggono la loro eccitabilità e la loro perfezione apparente dalla debolezza stessa del corpo, giungeranno alla grande virtù tattile meno facilmente, senza continuità e senza sicurezza.

Ho creato una prima scala educativa del tatto, che è nello stesso tempo una scala di valori tattili pel Tattilismo, o Arte del tatto.

Prima scala, piana, con 4 categorie di tatti diversi.
Prima categoria: tatto sicurissimo,
astratto, freddo.
Carta vetrata,
carta argentata.

Seconda categoria: tatto senza calore, persuasivo, ragionante.
Seta liscia.
Crespo di seta.

Terza categoria: eccitante, tiepido, nostalgico.
Velluto,
Lana dei Pirenei,
Lana,
Crespo di seta-lana.

Quarta categoria: quasi irritante, caldo, volitivo.
Seta granulosa,
Seta intrecciata,
Stoffa spugnosa.
Seconda scala, di volumi.

Quinta categoria: morbido, caldo, umano.
Pelle scamosciata,
Pelo di cavallo o di cane.
Capelli e peli umani,
Marabù.

Sesta categoria: caldo, sensuale, spiritoso, affettuoso.
Questa categoria ha due rami:
Ferro ruvido,
Spazzola leggera,
Spugna,
Spazzola di ferro,
Peluche,
Peluria della carne o della pesca,
Peluria d’uccello.

Mediante questa distinzione di valori tattili, ho creato:

1. – Le tavole tattili semplici che presenterò al pubblico nelle nostre contattilazioni o conferenze sull’Arte del tatto.
Ho disposto in sapienti combinazioni armoniche o antitetiche i diversi valori tattili catalogati precedentemente.

2. – Tavole tattili astratte o suggestive (Viaggi di mani).

Queste tavole tattili hanno delle disposizioni di valori tattili che permettono alle mani di vagare su di esse seguendo tracce colorate e realizzando così uno svolgersi di sensazioni suggestive, il cui ritmo a volta a volta languido, cadenzato o tumultuoso, è regolato da indicazioni precise.
Una di queste tavole tattili astratte realizzate da me e che ha per titolo: Sudan-Parigi, contiene nella parte Sudan dei valori tattili rozzi, untuosi, ruvidi, pungenti, brucianti (stoffa spugnosa, spugna, carta vetrata, lana, spazzola, spazzola di ferro);
nella parte Mare, valori tattili sdrucciolevoli, metallici, freschi (carta argentata);
nella parte Parigi, valori tattili morbidi, delicatissimi, carezzevoli, caldi e freddi ad un tempo (seta, velluto, piume, piumini).

3. – Tavole tattili per sessi diversi.
In queste tavole tattili, la disposizione dei valori tattili permette alle mani di un uomo e di una donna, accordate fra loro, di seguire e valutare insieme il loro viaggio tattile. Queste tavole tattili sono svariatissime, e il piacere che danno si arricchisce d’inatteso, nell’emulazione di due sensibilità rivali, che si sforzeranno di sentir meglio e di spiegar meglio le loro sensazioni concorrenti.
Questa tavole tattili sono destinate a sostituire l’abbrutente gioco degli scacchi.

4. – Cuscini tattili.
5. – Divani tattili.
6. – Letti tattili.
7. – Camicie e vestiti tattili.
8. – Camere tattili.
In queste camere tattili avremo pavimenti e muri formati da grandi tavole tattili.
Valori tattili di specchi, acque, correnti, pietre, metalli, spazzole, fili leggermente elettrizzati, marmi, velluti, tappeti che daranno ai piedi nudi dei danzatori e delle danzatrici un piacere variato.
9. – Vie tattili.
10. – Teatri tattili.
Avremo dei teatri predisposti pel Tattilismo. Gli spettatori seduti appoggeranno le mani su dei lunghi nastri tattili che scorreranno, producendo delle sensazioni tattili con ritmi differenti. Questi nastri tattili potranno anche essere disposti su piccole ruote giranti, con accompagnamenti di musica e di luci.
11. – Tavole tattili per improvvisazioni parolibere.
Il tattilista esprimerà ad alta voce le diverse sensazioni tattili che gli saranno date dal viaggio delle sue mani. La sua improvvisazione sarà parolibera, ossia liberata da ogni ritmo, prosodia e sintassi, improvvisazione essenziale e sintetica e quanto meno umana possibile. Il tattilista improvvisatore potrà aver bendati gli occhi, ma è preferibile avvolgerlo nel fascio di raggi d’un proiettore. Si benderanno gli occhi ai nuovi iniziati che non hanno ancora educato la loro sensibilità tattile. Quanto ai veri tattilisti, la piena luce d’un proiettore è preferibile, poiché l’oscurità produce l’inconveniente di concentrare troppo la sensibilità in una astrazione eccessiva.

Manifesto del tattilismo

Fonte: Marinetti
Il Tattilismo
(Manifesto futurista, Milano, 11 gennaio 1921)
Letto al Théâtre de l’Oeuvre (Parigi), all’Esposizione mondiale d’Arte Moderna (Ginevra), e pubblicato da “Comoedia” in Gennaio 1921.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...