L’Acqua, l’Aria. Il Luogo le Mappe

Natura permanente e la Cura
L’Acqua, L’Aria. Il Luogo le Mappe

Mostra collettiva d’arte contemporanea e stanza laboratorio progetti futuri in corso

a cura di
Giovanna Maulino, Maria Rosa Pividori
testo di
Eleonora Fiorani
(filosofa della scienza, epistemologa, antropologa, saggista)
La crisi dei saperi non meno dell’emergenza ecologica, ha reso cruciali il ritorno e la riflessione relativa ai quattro elementi che costituiscono la phusis, la natura naturante e naturata da cui parte la ricerca filosofica in Grecia, quindi anche a un’idea di natura come sistema vivente alla luce delle scienze della contemporaneità. […omissis]
Anche il recupero delle valenze cognitive del mondo esperienziale ci riporta nei pressi delle cose, alle tante forme in cui, per soffermarci solo su acqua e aria, su dà acqua, coma acqua che viene dal cielo o che scorre sulla terra, la avvolge, la nutre, o è fiume, lago, mare, oceano, o scorre nelle sue viscere. E a quelle in cui si dà l’aria, il nostro stesso respiro, segno della vita, aria che è brezza, i dolci venti caldi del sud e i gelidi venti del Nord, fino
ai tornado che travolgono tutto ciò che incontrano.
Se interroghiamo l’immaginario dell’acqua, esso affonda nella notte dei tempi …

…A sua volta, l’aria è per eccellenza lo spazio: è l’elemento diffuso, sottile, invisibile, impercettibile in cui la terra è immersa e noi con essa. E’ la luce e la notte, il caldo e il freddo, la vibrazione sonora, lo spazio in cui transitano le nuvole e da cui cade la pioggia.
Attraverso di essa ci giunge la materialità della terra che essa rivela e diffonde nelle sensazioni odorose.
E’ il senso dell’esteriorità, dell’illimitato, dell’invisibile. …

[…omissis]

…Acqua e aria sono ciò che struttura il territorio, le cui mappe costituiscono il modello del sapere teorico, mappe che possono anche sostituirsi al territorio e che non sono mai “innocenti”, ma modi di pensare il territorio. Alle mappe che descrivono il territorio e strutturano l’orientamento e l’urbanistica, si aggiungono altre mappe, da quelle di luoghi dell’utopia e di quelli che appartengano all’immaginario e al fantastico. Da qui ha preso avvio anche una
rappresentazione volta a cogliere il valore esistenziale, il lato emozionale, percettivo del territorio, che ha dato luogo alle mappe emozionali, alle etnocartografie, al performative mapping, che, come il decostruzionismo, considerano e rappresentano la città non come espressione del logos, come struttura razionale, ma nei suoi
significati esistenziali e relazionali. Perché il territorio è prima di ogni altra cosa un modo di intendere i luoghi e le relazioni dei luoghi e tra i luoghi.

Qui il testo completo

Luogo dell’evento:

Palazzo
Freganeschi-Pirola
P.za Repubblica
(angolo vicolo Filippo Corridoni)
Gorgonzola (Mi) (MM2)

Il Programma degli Eventi

Alla manifestazione sarà anche presente Ilaria Berettal’artista con le opere in realtà aumentata con cui anche noi della Famiglia Artistica Milanese abbiamo condiviso la presenza, dal 31 Maggio al 2 Giugno 2013 a Casciana Terme (Pisa), all’Exhibition-Conference, in linea con il programma, “Creative Europe 2020”, denominata: “quARte”, che si è avvalsa della Realtà Aumentata e dell’Arte Quantistica in una strategia basata sull’idea portante di un nuovo Rinascimento tecnologico-artistico.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...