Gianfranco Campestrini

Elvio Mich non solo cura Mostre d’arte con passione e competenza, ma ha anche il dono di scrivere in modo accattivante e leggero. Sua è la biografia di Gianfranco Campestrini da cui ho tratto spunto per questo piccolo appunto.
Campestrini è nato a Milano il 15 febbraio 1901, terzogenito di Emma Toller e di Alcide Davide Campestrini. La cultura è di casa in questa famiglia di origini trentine: la madre poetessa ed il padre noto pittore allievo di Raffaele Casnedi, Francesco e Ambrogio Borghi, ed in particolare di Giuseppe Bertini. Il padre a solo 24 anni era già professore della Regia Scuola d’arte applicata all’industria del Castello Sforzesco di Milano.
Gianfranco non poteva non amare l’arte. All’Accademia di Brera il suo “principale maestro” fu proprio il padre. Fu inoltre allievo di Cesare Tallone, Ambrogio Alciati e di Vespasiano Bignami. Ottenuto il diploma di pittura e l’abilitazione all’insegnamento, fin dal 1927 iniziò a svolgere l’attività di docente di figura presso l’Accademia e nel Liceo Artistico parificato delle Orsoline. Bisogna tuttavia ricordare che la sua carriera professionale inizia ancora prima, nel 1920, quando collaborò con il padre e con il fratello Ernesto, anch’esso divenne un noto pittore, alla decorazione ad affresco del soffitto del Teatro Sociale di Trento.
Gianfranco Campestrini appartiene alla categoria dei pittori fedeli alla tradizione figurativa tipica del periodo ed assimilata nel corso dei propri studi accademici. Ebbe la passione di coltivarla nel corso di una lunga e fortunata carriera artistica.
Nonostante fosse stato allievo di Bignami rimase lontano dai clamori delle avanguardie. Lui stesso amava definirsi “pittore figurista che si dedica in particolar modo al soggetto montanaro, a quello religioso ed altri temi paesaggistici”.
Nato, come abbiamo già detto, nella metropoli lombarda da genitori trentini di convinti sentimenti irredentisti, Gianfranco ritrova le proprie radici e la fonte di ispirazione nella terra dei padri. Ne sono testimonianza i soggetti registrati nelle principali personali allestite a Milano, che raffigurano motivi della montagna trentina e di altri ambienti alpini, dalle Dolomiti di Brenta all’Alta Savoia.
Nel 1926 esporrà alla 53esima Intima della Famiglia Artistica presentando l’opera “Sete”.

Gianfranco Campestrini: particolare del quadro IL MIO STUDIO

Gianfranco Campestrini: particolare del quadro IL MIO STUDIO


Gianfranco Campestrini è stato membro dell’Ordine del Cardo, dell’Accademia degli Agiati di Rovereto, dell’Accademia di Paestum, della Haute Académie Latine Internationale di Parigi, della Columbia Academy di Saint Louis (USA), e Cavaliere di Sant’Agata, della Repubblica di San Marino.
Muore a Milano l’11 giugno 1979.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...