Giovanni Barrella

Ristudiando gli scritti di Giovanni Barrella ci si rende conto dell’importanza di un’opera che va oltre il personaggio e che si affianca all’eredità degli altri nostri maggiori poeti, da Negri a Medici, da Tessa a Guicciardi.
Allievo di Ferravilla, con il quale ebbe in comune la passione per il teatro, volle distinguersi dal maestro, con gesto sia pur deferente, conscio della propria ambizione di portare nel teatro e nella lirica dialettali contenuti di maggior impegno.
Attore, commediografo, poeta, ma, non meno, pittore.
Epigone della Scapigliatura, Barrella sente l’unità dell’arte nelle differenti manifestazioni musicale, pittorica, poetica; introduce così nella lirica e nel teatro pennellate potenti di colore, armonie ricercate e vigorose di suoni e, per converso, nella sua pittura, una visione lirica del mare, delle nature morte, ma soprattutto dei paesaggi lombardi.
Vi è chiara l’influenza dei suoi maestri all’Accademia di Brera, Vespasiano Bignami e Cesare Tallone.
Dal primo, poeta dialettale oltre che pittore, il senso dell’umorismo e del satirico; da Tallone l’attaccamento al vero, tipico del realismo romantico lombardo. Vedansi certe cascine e certi cortili di campagna che esprimono a un tempo povertà e sofferenza, ma tanto amore per la famiglia, la campagna, il lavoro, sentimenti che emanano, come da una sorgente inesauribile, dalle sue poesie.

Letteratura dialettale milanese

Letteratura dialettale milanese

Questa bella descrizione di Giovanni Barrella è stata tratta dal volume “Letteratura dialettale milanese” di Claudio Beretta, Editore Ulrico Hoepli – Milano.
Sempre nel medesivo volume è riportata la seguente poesia dialettale del 1929 intitolata “I nost campagn” ossia le nostre campagne.

L’è bella la campagna della bassa…
d’inverna specialment, quand la marscida
la suda verd, sotta la nebbia grassa
perduda in la pianura on poo sbiavida…
L’è bella, quand la dorma in santa pàs
fassada in la scighera de bambàs…

E’ bella la campagna della Bassa…
d’inverno specialmente, quando la marcita
suda verde, sotto la nebbia grassa,
perduta nella pianura un po’ sbiadita.
E’ bella quando dorme in santa pace,
fasciata dalla nebbia di bambagia.

NB: la marcita è un prato irriguo termoregolato, tipico dell’agricoltura della Bassa… Per definire la marcita Domenico Berra scrive, “chiamasi prato marcitorio o prato di marcita quel prato sul quale, dall´autunno al principio della primavera scorre dolcemente una proporzionata quantità d´acqua, la quale bastando con proprio moto ad impedire la congelazione e somministrando all´erba un continuo alimento, fa sì che questa cresca rigogliosa in mezzo anche ai più forti freddi della vernata”. E´ suggestivo durante l´inverno ammirare la nostra pianura, sbiancata dal gelo, framezzata dagli ampi squarci di verde interso dei prati a marcita. (fonte: http://www.naviglilombardi.it/ )

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...