Giuseppe Pellizza e la Famiglia Artistica Milanese

Giuseppe Pellizza nacque nel 1868 a Volpedo da una coppia di piccoli proprietari terrieri, dediti soprattutto alla viticoltura; la commercializzazione dei loro prodotti interessava l’area dell’alessandrino, ma anche Milano. Fu proprio grazie a questa attività che i Pellizza, che non avevano esperienze specifiche in ambiti culturali o artistici, entrarono in contatto con personaggi di primo piano della cultura milanese dell’Ottocento, come i fratelli Grubicy, mercanti d’arte che sostenevano l’arte contemporanea e in particolare la pittura della Scapigliatura. Alberto Grubicy, soprattutto, giocò un ruolo fondamentale nella vita di Giuseppe; i Pellizza lo conobbero tramite i Della Beffa, una famiglia di collezionisti di pittura di origine vogherese che acquistava il vino da loro e che, avendo saputo che Giuseppe amava copiare le illustrazioni dalle riviste e che avrebbe desiderato coltivare la sua naturale disposizione al disegno, chiese ed ottenne l’interessamento di Alberto Grubicy per l’iscrizione del giovane in un’accademia d’arte.

Milano (1884-87)

Fu così che Giuseppe Pellizza, dopo aver frequentato le scuole a Castelnuovo Scrivia, venne iscritto all’Accademia di Brera a Milano, dove iniziò a studiare il disegno, la copia dal modello, la copia dall’incisione e la tecnica del chiaroscuro.

Nello stesso tempo egli frequentava lo studio del pittore Giuseppe Puricelli, attento alla pittura di verità e di natura, che insegnava ai giovani allievi i primi rudimenti della tecnica a olio, e successivamente quello di Pio Sanquirico, altro pittore importante nella Milano degli anni Settanta.

Egli si iscrisse inoltre alla “Famiglia Artistica“, un’associazione culturale che accompagnava l’iter accademico di formazione degli artisti e che forniva loro la possibilità di dipingere l’uno a fianco dell’altro e di confrontare gli esiti, in vista di un arricchimento di esperienze.

Terminato il tirocinio milanese sotto la guida di illustri maestri (a Brera c’erano professori come Francesco Hayez e Giuseppe Bertini) con ottimi risultati, Pellizza decise di proseguire altrove i suoi studi e scelse di andare a Roma….

Autoritratto: 1901, carboncino conté su tela, cm.152×74, studio – museo, Volpedo
Autoritratto Giuseppe Pellizza

Fonte: Sito ufficiale Associazione Pellizza da Volpedo ONLUS

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...